“A Natale basta il pensiero”. Le installazioni artistiche che stanno illuminando Milano sono una provocazione

ArtobjectsInstallations

Ma noi lo sappiamo per davvero cosa vogliamo?

Se non ci è facile rispondere è perché probabilmente non lo sappiamo, ma per questo Natale ci ha pensato Hines, la società globale di investimento, sviluppo e gestione immobiliare, che ha promosso a Milano un progetto intrigante, sotto gli occhi della città.

Sono state infatti realizzate due installazioni artistiche, in collaborazione con Pietro Terzini, che ha prestato la firma in due luoghi cardine della città: alla Torre Velasca, da pochissimo ristrutturata, e in via della Spiga, nell’Hub creativo al numero 26.

Il titolo di questo esperimento artistico è “A Natale basta il pensiero” ma si tratta di una riflessione che potremmo estendere a tutti i periodi dell’anno.

Le due installazioni, una all’aperto, sulla facciata della torre e l’altra all’interno dell’Hub consistono in due scritte luminose, che si compensano l’una con l’altra.

La domanda parte dalla Torre Velasca, catturando lo sguardo di tutti, e sovrastando la città, la risposta invece, più intima e preziosa è contenuta all’interno di una scatola amaranto di cui bisogna varcare la soglia per risolvere l’enigma.

Domanda e risposta sono reciprocamente necessarie, ma possono essere anche analizzate singolarmente, a seconda di quello che siamo e di quello che desideriamo in questo momento delle nostre vite.

È grazie a questa sincerità espressiva che l’iniziativa ha preso piede ed è diventata virale, fra giovani e adulti, non si limita al Natale e ai desideri di questo periodo di feste, ma si estende alla nostra vita di tutti i giorni.

Anche questo Natale, Hines conferma il suo impegno nella promozione di iniziative simboliche e di condivisione incentrate sulle persone, i loro pensieri e le loro diversità, intesi come valori e risorse preziose per la comunità. La nostra mission è infatti di sviluppare progetti immobiliari con l’obiettivo di valorizzare e riqualificare luoghi ed edifici iconici in ottica sostenibile, come i due protagonisti di questa installazione: con Spiga 26 abbiamo, infatti, contribuito alla rinascita di una delle vie più eleganti del quadrilatero e destinazione d’eccellenza della sofisticata clientela italiana e internazionale; entro la fine del 2023 terminerà anche il restauro di Torre Velasca che, dopo aver mostrato la facciata nella sua originaria bellezza lo scorso settembre, si appresta a diventare un nuovo luogo di incontro per la città.

Mario Abbadessa, senior managing director & country head di Hines Italy

Foto Copyright: Pietro Terzini – @pietro.terzini

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Milano.
Articolo di Francesca Longoni

Francesca Longoni

Giovane architetto d'interni. Attenta al mondo che mi circonda, in cerca di bellezza

Scopri altri post
Bergamo si accende con l’installazione luminosa "Lights On"

Bergamo si accende con l’installazione luminosa “Lights On”

La National Gallery of Victoria celebra il Partenone con "Temple of Boom"

La National Gallery of Victoria celebra il Partenone con “Temple of Boom”

Realtà e iperrealtà nelle fotografie di diorami di Petros Chrisostomou

Realtà e iperrealtà nelle fotografie di diorami di Petros Chrisostomou

I paesaggi impossibili di Suzanne Moxhay

I paesaggi impossibili di Suzanne Moxhay

"Forever is now", la Necropoli di Giza è scenario dell’arte contemporanea site-specif

“Forever is now”, la Necropoli di Giza è scenario dell’arte contemporanea site-specif

Il senso di vuoto e leggerezza nell’opera di Giovanni Pinosio

Il senso di vuoto e leggerezza nell’opera di Giovanni Pinosio

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati