Á means river, l’Islanda attraverso gli scatti di Luca Arena

LifeobjectsTravel

luca arena

Tra la luce che si spegne e l’inizio del giorno, ho conosciuto posti dove non fanno rotta le navi, non esistono treni e non circola nessuna auto, dove un semaforo giallo significa rallenta e non accelera.

Senza spingersi e senza strattonarsi, qui vivono bambini, uomini e donne. Sotto la luce islandese hanno lo stesso aspetto e condividono calore e speranze in una piscina al neon, nella città tutte uguali ma con un nome diverso.

Dei ragazzi fanno a gara a spingere un carrello della spesa, una madre compra solo cibi con scatole colorate e un anziano si immerge in una pozza d’acqua calda a 41°. In un oceano di colori e in un mare di strade vuote, non ho nessuna idea di dove fossi io o di dove sarò alla loro età.

Come fotografare l’Islanda senza necessariamente rappresentarla per quello che è (bellissima)?

luca arena

In 13 giorni e 2994 Km percorsi, ho cercato di rompere lo specchio e non raffigurarla come la terra dei fiumi, dei vulcani e degli sconfinati ghiacciai, ma fotografandola in maniera del tutto inusuale e asettica, cosicché, per una volta, possiamo allontanarci dall’esplosione della natura e vivere nei colori, dando voce alla minoranza dell’isola: l’uomo.

luca arena
luca arena
luca arena

Post di Luca ArenaFoto Copyright: Luca Arena

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: islanda, Luca Arena.
Scopri altri post
Una delle chiese più inaccessibili al mondo, Abuna Yemata in Etiopia

Una delle chiese più inaccessibili al mondo, Abuna Yemata in Etiopia

Tutta la magia del Messico nelle foto di Dimitar Karanikolov

Tutta la magia del Messico nelle foto di Dimitar Karanikolov

La bellezza senza tempo del paesaggio naturale islandese

La bellezza senza tempo del paesaggio naturale islandese

L’inseparabile "Yellow Jacket" di Giulia Woergartner

L’inseparabile “Yellow Jacket” di Giulia Woergartner

I paesaggi di cui sono fatti gli Stati Uniti, Nathaniel Wise

I paesaggi di cui sono fatti gli Stati Uniti, Nathaniel Wise

La spiaggia che è fatta di Pop Corn

La spiaggia che è fatta di Pop Corn

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati