Tra surrealismo e alienazione. La Los Angeles di Karen Constine

ArtobjectsPhotography

(un) real landscapes: Los Angeles plays itself. It’s 309 days since California’s stay-at-home order has been in-effect. Despite some process on vaccinations, daily life, the streets of L.A. continue to look #unworldly #unreal

Karen Constine

Quando nel marzo 2020 la California annunciò il lockdown, la vita di molti sarebbe cambiata di lì a poco in maniera radicale e impensabile. Le esistenze dei cittadini americani – come quelle di ogni cittadino del mondo – avrebbero subito un’evoluzione inaspettata: la pandemia stava silenziosamente prendendo piede, in uno scenario mai visto prima, fatalmente irreale. Su questo presupposto Karen Constine – fotografa con sede a LA – ragiona, pensa, per giorni e settimane costretta all’isolamento come chiunque altro. E si concentra proprio su questo termine: “irreale”.

Prima della pandemia, le strade di Los Angeles vedevano l’aumento dei senzatetto, il cambiamento demografico e la rapida gentrificazione dei quartieri più vecchi. Uno scenario che sembrerebbe cozzare con quella che è definita “città degli angeli”. Ma d’altra parte si sa, LA è sempre stata la città delle grandi contraddizioni, tra chi vive nel lusso sfrenato e chi invece nella povertà più assoluta.

Quello che è certo però, è che una LA come quella del marzo 2020, non si era proprio mai vista: strade deserte, desolazione, paralisi, angoscia e alienazione.

La vita era diventata uno scenario sospeso, dove il tempo sembrava essersi fermato improvvisamente.

Karen Constine si lascia ispirare da questo “nuovo mondo” e sovverte il paesaggio di Los Angeles usando una telecamera a infrarossi. Le strade suburbane deserte si trasformano in pianure surreali quasi allucinogene, dominate da tonalità pastello rosa e celeste.

Immagini che testimoniano ancora una volta l’animo controverso della sfarzosa città degli angeli: nonostante il pesante fardello della pandemia, le fotografie suggeriscono una calma assoluta e una pacatezza oltremodo inaspettata.

Foto Copyright: Karen Constine – karenconstinephotography.com@karenconstine

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Infrared, Karen Constine.
Articolo di Giuditta Duranti

Giuditta Duranti

Vivo per scrivere, scrivo per vivere. Fotografo per passione. Da sempre innamorata dell'arte e della letteratura, mi diletto con zelo e passione a narrare le vicende del mondo e a immortalarne i momenti più belli.

Scopri altri post
Animals, una serie fotografica di Ryan McGinley

Animals, una serie fotografica di Ryan McGinley

“Greetings From Mars” , una parodia alla selfite contemporanea

“Greetings From Mars” , una parodia alla selfite contemporanea

Fotografie vintage dei primi parcheggi verticali, 1920-1960

Fotografie vintage dei primi parcheggi verticali, 1920-1960

L'arte liquida di Jack Long

L’arte liquida di Jack Long

La vita quotidiana attraverso la lente di Chase Middleton

La vita quotidiana attraverso la lente di Chase Middleton

Il corpo vulnerabile nelle fotografie di Leah Edelman-Brier

Il corpo vulnerabile nelle fotografie di Leah Edelman-Brier

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati