Tra surrealismo e alienazione. La Los Angeles di Karen Constine

ArtobjectsPhotography

(un) real landscapes: Los Angeles plays itself. It’s 309 days since California’s stay-at-home order has been in-effect. Despite some process on vaccinations, daily life, the streets of L.A. continue to look #unworldly #unreal

Karen Constine

Quando nel marzo 2020 la California annunciò il lockdown, la vita di molti sarebbe cambiata di lì a poco in maniera radicale e impensabile. Le esistenze dei cittadini americani – come quelle di ogni cittadino del mondo – avrebbero subito un’evoluzione inaspettata: la pandemia stava silenziosamente prendendo piede, in uno scenario mai visto prima, fatalmente irreale. Su questo presupposto Karen Constine – fotografa con sede a LA – ragiona, pensa, per giorni e settimane costretta all’isolamento come chiunque altro. E si concentra proprio su questo termine: “irreale”.

Prima della pandemia, le strade di Los Angeles vedevano l’aumento dei senzatetto, il cambiamento demografico e la rapida gentrificazione dei quartieri più vecchi. Uno scenario che sembrerebbe cozzare con quella che è definita “città degli angeli”. Ma d’altra parte si sa, LA è sempre stata la città delle grandi contraddizioni, tra chi vive nel lusso sfrenato e chi invece nella povertà più assoluta.

Quello che è certo però, è che una LA come quella del marzo 2020, non si era proprio mai vista: strade deserte, desolazione, paralisi, angoscia e alienazione.

La vita era diventata uno scenario sospeso, dove il tempo sembrava essersi fermato improvvisamente.

Karen Constine si lascia ispirare da questo “nuovo mondo” e sovverte il paesaggio di Los Angeles usando una telecamera a infrarossi. Le strade suburbane deserte si trasformano in pianure surreali quasi allucinogene, dominate da tonalità pastello rosa e celeste.

Immagini che testimoniano ancora una volta l’animo controverso della sfarzosa città degli angeli: nonostante il pesante fardello della pandemia, le fotografie suggeriscono una calma assoluta e una pacatezza oltremodo inaspettata.

Foto Copyright: Karen Constine – karenconstinephotography.com@karenconstine

24 gennaio 2022

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Infrared, Karen Constine.
Articolo di Giuditta Duranti

Giuditta Duranti

Vivo per scrivere, scrivo per vivere. Fotografo per passione. Da sempre innamorata dell'arte e della letteratura, mi diletto con zelo e passione a narrare le vicende del mondo e a immortalarne i momenti più belli.

Scopri altri post
"Natation Synchronisee", i balletti acquatici di Jean-Baptiste Courtier

“Natation Synchronisee”, i balletti acquatici di Jean-Baptiste Courtier

“House Hunting” di Todd Hido

“House Hunting” di Todd Hido

Gli alberi di Myoung Ho Lee

Gli alberi di Myoung Ho Lee

“Our face”, i ritratti sovrapposti di Ken Kitano

“Our face”, i ritratti sovrapposti di Ken Kitano

La memoria visiva di Berlino nelle fotografie di Diane Meyer

La memoria visiva di Berlino nelle fotografie di Diane Meyer

I paesaggi innevati delle montagne Hakkōda di Aomori fotografati da Sho Shibata

I paesaggi innevati delle montagne Hakkōda di Aomori fotografati da Sho Shibata

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati