L’Islanda nella pittura di paesaggio di Henrietta Harris

ArtobjectsArt

L’Islanda, l’isola del fuoco e del ghiaccio, delle spiagge di sabbia nera e dei deserti di lava, languidamente distesa sul 66° parallelo nord a lambire il circolo polare artico, una terra lunare, fiabesca e desolata, dove gli inverni hanno notti infinite, e le estati, soli che non tramontano mai.

L’artista neozelandese Henrietta Harris ne ha ritratto la favolosa bellezza e l’eccezionale unicità geografica, in un corpus di opere intitolate “Hidden People”, che ha realizzato durante una residenza artistica a Skagaströnd, piccolo villaggio di pescatori, con una popolazione di appena cinquecento abitanti, sito nella regione di Norðurland Vestra, nella parte settentrionale del paese.

Le pitture di paesaggio della Harris, per lo più acquerelli su carta e alcuni dipinti a olio su tela, raffigurano l’incanto surreale della natura, aspra e invernale, di questo magico fazzoletto di mondo: le ampie e deserte distese glaciali, le spettrali vette di riolite dal colore brullo rossiccio, le nuvole che paiono improvvisare una danza tumultuosa nel cielo tinto di pesca, la mortifera luce lunare che squarcia le tenebre.

Dell’uomo non v’è traccia, un silenzio ipnotico sembra avvolgere ogni cosa.

Quella della Harris è un’adesione poetica e spirituale al mondo che la circonda: attingendo da una tavolozza dai toni scuri e smorzati, ogni pennellata, morbida e misurata, permeata di umori romantici, si fa sublime espressione del fascino estremo e selvaggio di questi luoghi, delle atmosfere idilliache e malinconiche, dalle quali emana un travolgente senso di solitudine.

Foto Copyright: Henrietta Harris – henriettaharris.com

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: islanda, Henrietta Harris.
Articolo di Alessia Cortese

Alessia Cortese

Fotografa freelance. Aspirante giramondo. Perdutamente innamorata di Max Ernst, Jane Austen e Georgia O'Keeffe. La musica è il mio pane quotidiano.

Scopri altri post
Il corpo femminile secondo Sasha Podgurska

Il corpo femminile secondo Sasha Podgurska

Tra realismo e surrealismo, le opere mixed media di Daniel Horowitz

Tra realismo e surrealismo, le opere mixed media di Daniel Horowitz

Il fotorealismo monocromatico di Marta Penter

Il fotorealismo monocromatico di Marta Penter

Il cibo come metafora della società dei consumi, nelle fotografie di James Ostrer

Il cibo come metafora della società dei consumi, nelle fotografie di James Ostrer

Guy Catling reinventa la storia con i suoi collages floreali

Guy Catling reinventa la storia con i suoi collages floreali

Gli autoritratti afro di Lina Iris Viktor

Gli autoritratti afro di Lina Iris Viktor

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati