Le sculture di carta di Angela Glajcar

ArtobjectsInstallations

Angela Glajcar, scultrice tedesca classe ’70, realizza installazioni site specific attraverso un uso sapiente e ragionato della carta, della luce e dello spazio.

I suoi lavori nascono da uno studio approfondito dell’ambiente in cui devono essere collocati e sono contraddistinti da una grande accuratezza e “da un’estrema economia di mezzi”.

In tutte le composizioni della Glajcar vi è “rigore formale, semplicità e nitore”.

L’elegante purezza delle composizioni deriva dalla totale assenza di colore, mentre la precisione è determinata dalle regole e dai principi compositivi a cui l’artista si attiene rigidamente.

La carta nelle sue mani diventa flessibile, malleabile e assume volume, corpo e plasticità pur non privandosi della propria fragilità, “sensualità tattile” e leggerezza.

Le opere sono contraddistinte da un lato da stratificazioni e sovrapposizioni, dall’altro da sottrazioni della materia attraverso strappi e perforazioni che creano vuoti e giochi di luci e ombre. La discontinuità creata dalla carta ferita ‘permette allo spettatore di riposare lo sguardo’ e di percepire – in quel gesto di rottura – la presenza dell’artista.

Le sculture della Glajcar sono opere corali, in cui l’individualità di ogni foglio viene ricomposta nell’armonia della scultura nel suo insieme. Le installazioni vanno fruite nello spazio, osservate da angolazioni diverse per viverne la metamorfosi.

Foto Copyright: AngelaGlajcar

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Carta, Angela Glajcar.
Articolo di Maria Chiara Wang

Maria Chiara Wang

"La rana non ebbe la coda perché non la chiese" | Con in mente questa frase e un po' di coraggio, sono riuscita ad aprire diverse porte che altrimenti sarebbero rimaste chiuse!

Scopri altri post
Giuseppe Penone e il suo “Abete” a Firenze a ricordo del divin poeta

Giuseppe Penone e il suo “Abete” a Firenze a ricordo del divin poeta

Getting lost in a “Cosmic Nature”. Yayoi Kusama al Botanical Garden di New York

Getting lost in a “Cosmic Nature”. Yayoi Kusama al Botanical Garden di New York

"Creating Connections". L'intricato mondo di Janaina Mello Landini

“Creating Connections”. L’intricato mondo di Janaina Mello Landini

Le soft sculptures di Hoda Zarbaf

Le soft sculptures di Hoda Zarbaf

Fotografia e scultura, le opere di Naia del Castillo

Fotografia e scultura, le opere di Naia del Castillo

The future is an invisible playground. Le poesie di luce di Robert Montgomery

The future is an invisible playground. Le poesie di luce di Robert Montgomery

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati