Le architetture moventi di Daniel Arsham

ArtobjectsInstallations

In occasione della Biennale Internazionale d’Arte di Mosca Daniel Arsham ha presentato il suo primo ‘solo show’ esponendo nove interventi architettonici site-specific.L’artista statunitense, per l’occasione, ha modellato gli spazi interni del Padiglione Karelia conferendo ai muri un aspetto plastico e morbido. Il risultato è scenografico.

Arsham ha plasmato le pareti creando sculture bianche monocromatiche, su scale diverse, in dialogo con il luogo in cui sono collocate e in interazione con lo spettatore.

Osservandole si avvertono la tensione del nodo e delle mani che protrudono dalle pareti, l’elasticità del tessuto allungato dal peso della persona che affonda in esso, la gravità dell’orologio che trascina il telo verso terra, la consistenza del corpo invisibile celato dal panneggio e, a livello tattile, si percepisce la ruvidezza del tunnel perforato.

L’architettura viene alterata e manipolata, diviene malleabile nelle mani di Arsham che conferisce così un nuovo significato ed una nuova dimensione agli ambienti della Biennale.

Foto Copyright: DanielArsham

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Daniel Arsham.
Articolo di Maria Chiara Wang

Maria Chiara Wang

"La rana non ebbe la coda perché non la chiese" | Con in mente questa frase e un po' di coraggio, sono riuscita ad aprire diverse porte che altrimenti sarebbero rimaste chiuse!

Scopri altri post
Le cinque maestose dee di Daniel Popper al Morton Arboretum nei pressi di Chigago

Le cinque maestose dee di Daniel Popper al Morton Arboretum nei pressi di Chigago

Non dimenticarti della bellezza del mondo. L’arte on air di David Hockney

Non dimenticarti della bellezza del mondo. L’arte on air di David Hockney

Giuseppe Penone e il suo “Abete” a Firenze a ricordo del divin poeta

Giuseppe Penone e il suo “Abete” a Firenze a ricordo del divin poeta

Getting lost in a “Cosmic Nature”. Yayoi Kusama al Botanical Garden di New York

Getting lost in a “Cosmic Nature”. Yayoi Kusama al Botanical Garden di New York

"Creating Connections". L'intricato mondo di Janaina Mello Landini

“Creating Connections”. L’intricato mondo di Janaina Mello Landini

Le soft sculptures di Hoda Zarbaf

Le soft sculptures di Hoda Zarbaf

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati