La fotografia di Ben Thomas, tra spazi urbani color pastello e città ipnotiche

ArtobjectsPhotography

Il colore pastello, l’assenza di ombre e il metafisico surrealismo delle fotografie di Ben Thomas è un momento di puro piacere per gli occhi.

Il fotografo e film-maker australiano nato ad Adelaide si è sempre concentrato sugli spazi urbani in cui noi tutti viviamo; è da questo studio che nascono i suoi maggiori progetti, ed è anche il motivo che l’ha reso celebre nel mondo della fotografia, consentendogli di ottenere diverse nomine, tra cui quella di Hasselblad Master nel 2018.

La sua è una produzione molto vasta, tra i progetti più rilevanti è Cityshrinker, 2007, che ebbe un grande successo e venne considerato uno dei maggiori progetti pionieristici sul tilt-shift, cioè obbiettivo decentrabile.

Per obbiettivo decentrabile si intende una particolare tecnica che viene utilizzata spesso per la fotografia di architettura, dato che rende più preciso lo scatto e permette di correggere le imperfezioni prospettiche, resa possibile grazie alla versatilità dell’obbiettivo stesso.

Nel 2012 invece Thomas propone Accession, progetto ipnotico, reso tale grazie all’utilizzo di specchi e caleidoscopi che creano delle ripetizioni del tessuto urbano. Sono recenti invece gli ultimi due progetti, Chroma e Chroma II, risalgono al 2015 il primo e al 2016 il secondo, a cui seguirà Chroma III.

Questa volta il fotografo comunica attraverso il colore e le superfici, che rende quasi piatte optando per una totale assenza di ombre. Con l’intento di riflettere tramite la sua visione pastello la società, e di dimostrare come essa plasmi il suo mondo, la sua città ed il luogo in cui vive.

Post di Federica Comoretto

Foto Copyright: benthomas

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Ben Thomas.
Scopri altri post
Animals, una serie fotografica di Ryan McGinley

Animals, una serie fotografica di Ryan McGinley

“Greetings From Mars” , una parodia alla selfite contemporanea

“Greetings From Mars” , una parodia alla selfite contemporanea

Fotografie vintage dei primi parcheggi verticali, 1920-1960

Fotografie vintage dei primi parcheggi verticali, 1920-1960

L'arte liquida di Jack Long

L’arte liquida di Jack Long

La vita quotidiana attraverso la lente di Chase Middleton

La vita quotidiana attraverso la lente di Chase Middleton

Il corpo vulnerabile nelle fotografie di Leah Edelman-Brier

Il corpo vulnerabile nelle fotografie di Leah Edelman-Brier

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati