Il Parco sommerso di Baia, un’Atlandide segreta nel mare italiano

EcoobjectsEarth

Che la nostra bella penisola fosse ricca di arte e storia ne eravamo più che consapevoli ma lo sappiamo che anche il nostro mare ospita tesori preziosi? A nord del golfo di Napoli esiste infatti una città sommersa.

Il Parco sommerso di Baia è il sito archeologico sommerso più grande d’Italia, e vanta numerosissimi reperti ancora perfettamente conservati.

Si tratta di una vera e propria Atlantide, che desta fascino e stupore

Statue, mosaici e architetture sommerse, risalenti circa al III e IV secoldo d.C. sono oggi visibili ai nostri occhi, frutto di un lento sprofondamento della costa che portò al conseguente abbandono dell’insediamento costiero.

Meta di villeggiatura per l’aristocrazia romana e per la famiglia imperiale, Baia rappresentava un luogo privilegiato, per le bellezze naturalistiche e per la posizione strategica.

Quando nel 1969 avvenne per caso il ritrovamento di due statue, perfettamente conservate, rispettivamente Ulisse e Ciclope, partirono nei primi anni Ottanta alcuni scavi che portarono alla luce quelli che oggi sono i resti di una storia antica.

Il Parco di Baia è così visitabile seguendo alcuni percorsi guidati che portano alla scoperta di un tesoro sommerso.

Foto Copyright: baiasommersa.netparcosommersobaia.beniculturali.it

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Parco sommerso di Baia.
Articolo di Francesca Longoni

Francesca Longoni

Giovane architetto d'interni. Attenta al mondo che mi circonda, in cerca di bellezza

Scopri altri post
Archeoplastica, la raccolta di oggetti del passato per educare all'inquinamento

Archeoplastica, la raccolta di oggetti del passato per educare all’inquinamento

L'acronimo sul perché non crediamo alla crisi climatica

L’acronimo sul perché non crediamo alla crisi climatica

Wangari Maathai, l'amore per gli alberi a difesa della terra

Wangari Maathai, l’amore per gli alberi a difesa della terra

Le tempeste nei paesaggi rurali americani fotografate da Mitch Dobrown

Le tempeste nei paesaggi rurali americani fotografate da Mitch Dobrown

Come sarebbe mangiarsi le microplastiche?

Come sarebbe mangiarsi le microplastiche?

Un video animato che racconta quanto è profondo l'oceano

Un video animato che racconta quanto è profondo l’oceano

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati