Come sarebbe mangiarsi le microplastiche?

EcoobjectsEarth

microplastiche

La verità è che lo sappiamo benissimo come sarebbe mangiarsi le microplastiche. Secondo lo studio condotto dall’Università di Newcastle a nord di Sydney e commissionata dal WWF “No Plastic in Nature: Assessing Plastic Ingestion from Nature to People” è quello che facciamo ogni settimana. Per la precisione, secondo lo studio, ingeriamo “fino a 2000 minuscoli frammenti per settimana”

In questa serie di foto di Sweet Sneak Studio – in collaborazione con il fotografo Morten Bentzon – il concetto è però espresso in maniera molto chiara. Si mettono in mostra gli impatti dell’inquinamento da plastica in un modo indiscutibilmente comprensibile.

Che siano sushi avvolti in sacchetti di plastica o la schiuma della birra con bolle di polistirolo, la verità è abbastanza allarmante.

A causa delle loro piccole dimensioni, [le microplastiche] possono sfuggire ai sistemi di filtrazione del trattamento dell’acqua e diffondersi nei nostri oceani o in altri corpi idrici. Una vasta gamma di animali marini tra cui zooplancton, polpi, vongole, ostriche, pesci e uccelli marini può ingerire microplastiche, che possono avere conseguenze sulla salute

Racconta lo studio dell’Università di Newcastle sopra citato
microplastiche
microplastiche nel cibo
microplastiche nel cibo
microplastiche nel cibo
microplastiche nel cibo
Mangiarsi le microplastiche

Foto Copyright: Sweet Sneak Studio

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Microplastics.
Articolo di Luca Onniboni

Luca Onniboni

Autore e fondatore di Objects., Archiobjects e Marketing For Architects. Esperto in comunicazione e appassionato di Architettura, Design e Marketing. E' anche un consulente, un nuotatore, un motociclista e un instancabile ricercatore

Scopri altri post
Un video animato che racconta quanto è profondo l'oceano

Un video animato che racconta quanto è profondo l’oceano

Il puzzle circolare della terra

Il puzzle circolare della terra

"The urgency to slow down", un futuro alternativo immaginato da Nicolas Abdelkader

“The urgency to slow down”, un futuro alternativo immaginato da Nicolas Abdelkader

Splendide formazioni di ghiaccio di una grotta in Alaska fotografate da Paxson Woelber

Splendide formazioni di ghiaccio di una grotta in Alaska fotografate da Paxson Woelber

Quando i cambiamenti climatici influenzano anche l’arte

Quando i cambiamenti climatici influenzano anche l’arte

Città sommerse negli effetti del clima del rapporto di Goldman Sachs

Città sommerse negli effetti del clima del rapporto di Goldman Sachs

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati