ADA, l’installazione dall’anima romantica di Karina Smigla-Bobinski

ArtobjectsInstallations

Karina Smigla-Bobinski è un’artista poliedrica che, nei propri lavori, combina sculture cinetiche, installazioni interattive, interventi artistici e performances.

ADA, in particolare, è una creatura ‘post-industriale e post-digitale’ in grado di generare, grazie all’interazione performativa con il suo pubblico, un’opera d’arte.Si tratta di un grande pallone trasparente, gonfiato con l’elio e ricoperto di aculei di carbone che tracciano sulle pareti, sul soffitto e sul pavimento dello spazio in cui l’installazione si muove un intreccio di segni fitto nella trama e nell’ordito e imprevedibile nel risultato finale.

ADA trae ispirazione dalla nanotecnologia molecolare, per quanto riguarda il suo aspetto simile ad una membrana, mentre nel nome e nel concetto sviluppato, da Ada Lovelace, la matematica inglese che assieme a Charles Babbage ideò il primo prototipo di computer con l’intento di realizzare una macchina capace di creare autonomamente musica, poesia o pittura.

Il corpo dello spettatore diventa parte del sistema ADA in quanto funzionale all’attivazione del suo meccanismo.

Per tale ragione anche la dimensione della palla è fondamentale: se fosse più piccola o troppo più grande dell’uomo si innescherebbe, tra i due, una dinamica di assoggettamento o prevaricazione.

Ulteriore caratteristica di Ada è la sua unicità: ogni Ada ha solo una vita; dopo ciascuna performance viene distrutta per essere costruita ex novo in occasione dell’evento seguente.

Foto Copyright: Flickr

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Karina Smigla-Bobinski, Exhibition, Performance Art.
Articolo di Maria Chiara Wang

Maria Chiara Wang

"La rana non ebbe la coda perché non la chiese" | Con in mente questa frase e un po' di coraggio, sono riuscita ad aprire diverse porte che altrimenti sarebbero rimaste chiuse!

Scopri altri post
Le cinque maestose dee di Daniel Popper al Morton Arboretum nei pressi di Chigago

Le cinque maestose dee di Daniel Popper al Morton Arboretum nei pressi di Chigago

Non dimenticarti della bellezza del mondo. L’arte on air di David Hockney

Non dimenticarti della bellezza del mondo. L’arte on air di David Hockney

Giuseppe Penone e il suo “Abete” a Firenze a ricordo del divin poeta

Giuseppe Penone e il suo “Abete” a Firenze a ricordo del divin poeta

Getting lost in a “Cosmic Nature”. Yayoi Kusama al Botanical Garden di New York

Getting lost in a “Cosmic Nature”. Yayoi Kusama al Botanical Garden di New York

"Creating Connections". L'intricato mondo di Janaina Mello Landini

“Creating Connections”. L’intricato mondo di Janaina Mello Landini

Le soft sculptures di Hoda Zarbaf

Le soft sculptures di Hoda Zarbaf

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati