“Impersonalism: Tenerife”, il progetto fotografico di Luca Arena

Luca Arena

Impersonalism: Tenerife è un progetto fotografico realizzato nell’agosto 2016 in occasione di un viaggio di 7 giorni nell’isola delle Canarie. L’autore è Luca Arena, classe 1988, nato il primo giorno di primavera alle 9:00. Luca è daltonico da 28 anni e ogni giorno cerca di farsene una ragione. Ha studiato economia e marketing presso l’Università di Pisa e nel tempo libero si dedica a viaggi e reportage fotografici.

Ama fotografare palazzi e finestre, concentrandosi sui colori e sulle geometrie degli edifici. Ha all’attivo 14 mostre personali e collettive.

Lo scopo di questo progetto è il tentativo di azzerare quasi completamente la presenza delle persone (turisti e locali) sull’isola attraverso un approccio non-antropocentrico all’ambiente, evidenziando i colori e le geometrie delle strutture architettoniche. 

Qui, gli stili abitativi tipicamente spagnoli, con case dal tetto piatto, bianche o dai colori sgargianti si fondono con la necessità di voler rappresentare, almeno ipoteticamente, lo sprawl urbano delle grandi capitali europee, con residence turistici moderni, impersonali e molto simili tra loro costruiti nel mezzo di luoghi incontaminati o presso le località balneari altamente turistiche.

I viaggiatori di passaggio poco si preoccupano del fatto che gli edifici siano tutti uguali, potendo godere della sicurezza nell’aver trovato la medesima disposizione degli spazi a loro sufficienti.

Sebbene circoscritto, questo fenomeno tende a svilupparsi soprattutto nelle periferie urbane, e tra gli effetti principali è impossibile non rilevare un elevato consumo del suolo e, di conseguenza, una riduzione degli spazi verdi. A causa del ritmo incessante e accelerato di espansione delle città e della domanda di nuove costruzioni, gli edifici tendono ad essere simili gli uni agli altri, caratterizzati dall’estrema omogeneità e da un disegno prevalentemente uniforme dell’ambiente costruito.

Ogni città va somigliando a tutte le altre città, i luoghi si scambiano forma ordine e distanze.

Il desiderio di distaccarsi completamente da queste scelte stilistiche, si traduce in un’indagine intima e personale volta, da una parte all’accettazione di quanto ormai presente, e in secondo luogo nel rifugio in luoghi-non luoghi costituiti da geometrie lineari, rassicuranti e familiari, come un campo da calcio o una piscina a picco sul mare di un piccolo paese di pescatori spagnoli.

Impersonalism: Tenerife

Testo di Luca Arena

Foto Copyright: Luca Arena

Recent Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search